Lezione-online fornisce corsi di formazione e-learning a più di 60mila studenti.

Fb. Ig. In. Yt.

Alex Zanardi è stabile: le nuove accuse

Terza notte passata in terapia intensiva da Alex Zanardi, con la speranza da parte dei medici che la situazione rimanga stabile. Sabino Scoletta – a Sky TG24 – il direttore del reparto d’emergenza si è detto soddisfatto delle condizioni attuali dell’atleta.

Mentre Piero Dainese, il direttore sportivo della staffetta che ha portato Zanardi all’incidente ha detto:

Alex non doveva esserci, ma si è lasciato trasportare dall’entusiasmo. Non dovevamo avvisare nessuno, non c’era alcun permesso mancante“.

È il tempo, ora, l’alleato di Alex Zanardi attualmente ricoverato al policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena dal 19 giugno a seguito di un incidente stradale. Il campione ha passato la terza notte in terapia intensiva, e resta in condizioni stabili.

Siamo molto contenti – dice Sabino Scolletta, direttore del reparto emergenza. Se il decorso clinico prosegue in questo modo, l’organismo continua a reagire bene e non si verificano repentini eventi avversi, siamo fiduciosi per un suo recupero, anche se lento e con l’incognita decisiva del quadro neurologico che resta grave“.

Nel frattempo, in un’intervista a Repubblica, parla Piero Dainese, direttore sportivo del progetto a sostegno dello sport paralimpico con cui Alex Zanardi aveva organizzato la staffetta che lo ha visto coinvolto in questo terribile incidente.

Alex quella tappa non doveva neanche correrla, non era in programma. Ma si è lasciato coinvolgere dall’entusiasmo dei ragazzi. Ora, se esiste un Dio, che compia un altro miracolo per favore e lo aiuti subito“.

ALEX ZANARDI, PARLA DAINESE: “LE ACCUSE FANNO MALE”

Dainese respinge poi gli attacchi sulle modalità della corsa.

Per chi ci accusa, chi parla di gara, comunicazioni a sindaci, scorte o permessi mancanti, vorrei dire che non ha alcun senso metterci alla gogna: la nostra era solo un’uscita da bar fra amici. Alex l’aveva voluta per far vedere all’Italia che si poteva ripartire dopo il Coronavirus, magari anche dallo sport. Che se ce la fa un gruppo di persone senza gambe, possono farcela tutti. E così abbiamo pensato a una scampagnata a tappe, da nord a sud, dandoci il cambio in una cinquantina. Non avevamo il dovere di avvertire nessuno, era solo una passeggiata in bicicletta fra amici. Avevamo due soli regolamenti da rispettare, quello stradale e quello del virus. Dunque, per favore, non parlate di scorte o permessi mancanti“.

L’ULTIMO BOLLETTINO

Le condizioni di Alex Zanardi si sono stabilizzate. La prognosi resta comunque riservata e il campione rimane in coma farmacologico. Attualmente sedato, intubato e ventilato meccanicamente, ma il suo quadro neurologico resta grave. Sabino Scolletta, direttore del Dipartimento emergenza urgenza dell’ospedale ieri ha sottolineato:

Il fatto positivo è che più passa il tempo e le condizioni restano stabili, più c’è speranza di un recupero. Restiamo fiduciosi, al momento non è stato fatto alcun passo indietro“.

NEI PROSSIMI GIORNI, IL RISVEGLIO FARMACOLOGICO

La speranza dei medici, che stanno lavorando in equipe multidisciplinari per valutare tutti gli aspetti del decorso post operatorio di Alex Zanardi, è di poter allungare il più possibile la fase di stabilizzazione per poi poter iniziare a risvegliarlo dal coma farmacologico. Ridurre la sedazione, o sospenderla del tutto, è la prima prova decisiva, la fase più delicata che dovrà dare le risposte su eventuali danni neurologici, quali e se saranno permanenti, e anche di eventuali danni alla vista.

Commenti:
Condividi su:
Post tags:

Opera dal 2013 nel settore dell'e-learning. La mission aziendale è quella di sfruttare il potenziale del web per offrire una formazione professionale e trasparente. I corsi sono fruibili totalmente online, H24, 7/7, senza limiti di tempo e in totale autonomia. Gli studenti di Lezione-online, non dovranno effettuare alcun spostamento o sottostare a orari prestabiliti.

You don't have permission to register