Lezione-online fornisce corsi di formazione e-learning a più di 60mila studenti.

Fb. Ig. In. Yt.

Blogger: 7 errori da evitare come la peste!

Blogger: 7 errori da evitare come la peste! Ogni professione ha errori da evitare per non ritrovarsi in cattive acque

E quella del blogger – come sottolinea studiosamo.it – non fa eccezione, anzi. In questa realtà, più che nelle altre, la maggior parte delle persone si avvicina al mondo della scrittura sul web partendo da una realtà del tutto amatoriale. Ma fai attenzione!

In questo ambiente tutto è lecito e puoi sporcarti le mani senza che nessuno ti riprenda. Però, all’improvviso, ti rendi conto che per emergere dalla massa hai bisogno di qualcosa in più, di una spinta verso l’alto. Quindi decidi di trasformare la tua passione per la scrittura sul web in una vera e propria professione! Sarebbe interessante! Ma devi fare attenzione a piccoli, ma terribili errori, che potranno pregiudicare tutto il tuo lavoro futuro.

Se vuoi evitare tutta una serie di errori che puoi commettere e iniziare subito con una marcia in più, ecco per te 7 errori da evitare come la peste per lavorare subito e bene nella professione del blogger!

⛔ APRIRE UN BLOG CON PIATTAFORME FREE

Non c’è niente di grave nell’aprire un blog con WordPress.com, o soluzioni simili anzi: in poco più di 5 minuti hai la possibilità di costruire velocemente il tuo primo blog ed essere online praticamente in tempo reale. Però, non hai la possibilità di migliorare oppure applicare delle modifiche essenziali per raggiungere obiettivi più nobili. Uno su tutti l’ottimizzazione SEO, infatti WordPress non ti dà la possibilità di personalizzare a pieno l’estetica del tuo blog.

Per dirla facile: non sarai mai proprietario del tuo blog e tutte le funzioni extra (come il dominio di secondo livello, ndr) ti verranno a costare decisamente tanto! Quindi perché non attivare un hosting proprietario e creare un blog totalmente indipendente? Ecco il primo errore da evitare: pensare che free sia meglio.

⛔ NON CURARE IL DOMINIO DEL BLOG

Ammesso che tu ti sia convinto ad aprire un blog indipendente e procedi nell’acquisto del tuo provider e di un dominio, ma poi hai fretta di cominciare a pubblicare e quindi scegli un indirizzo che non ti rappresenta o difficile da pronunciare.

Questa è la cosa peggiore che puoi fare. Il dominio è una delle sfumature più importanti, perché accompagnerà il tuo blog per tutta la durata della sua vita ed è molto difficile da modificare in corso d’opera. Per cui non avere fretta, pianifica tutto al meglio per capire qual è per te la soluzione migliore.

⛔ NON SCEGLIERE ARGOMENTI TROPPO VERTICALI

Questo, probabilmente più degli altri, è un passaggio non facile da definire. All’inizio del tuo percorso da blogger è difficile farci caso, perché guidato dalla tua passione non presti attenzione alla prospettiva futura del tuo progetto editoriale. Devi chiederti: che vita avrà il tuo blog tra 6 mesi? E tra un anno?

Sono domande difficili alle quali rispondere, ma che devi porti quando ti affacci alla professione del blogger. Perché il rischio è quelli di concentrarsi su argomenti talmente ristretti che rischiano di esaurirsi dopo poche settimane lasciandoti senza contenuti! Quindi, prima di aprire il tuo blog e dedicarla ad una nicchia assicurati che trend, community e volumi di ricerca siano dalla tua parte.

⛔ NON SCRIVERE SOLO PER I MOTORI DI RICERCA

Il quarto errore da non fare è quello di scrivere soltanto per i motori di ricerca: cioè Google. Premesso che è importante farsi piacere da Google, perché è grazie al suo indice di gradimento che riuscirai a farti notare da più persone, devi cercare di capire cosa vogliono da te i tuoi utenti. Sia chiaro: rispetta sempre i principi del SEO copywright ma, allo stesso tempo, dai consigli al tuo pubblico e risolvi loro problemi.

Non pensare solo ed esclusivamente a scrivere testi per Google, perché è una necessità che non esiste! Ok fare attenzione ai tag title, alla meta description, agli H1, ai link interni ma presta altrettanta attenzione (se non di più!, ndr) al tone of voice che dev’essere come quello che usi quando parli con il tuo target.

⛔ NON STRUTTURARE UN URL COMPLESSO

Sicuramente questo è uno degli errori più comuni che puoi commettere quando ti avvii alla professione del blogger. Ogni pagine web ha la sua URL, ovvero un permalink che indica l’indirizzo univoco e inalterabile. Sarà quello per sempre e Google prende in considerazione questo aspetto e lo userà per avere un’idea generale su tutto quello che pubblichi.

Ed è esattamente quello che fanno le persone! Quindi, sia quando parli sia quando scrivi, devi essere chiaro e semplice evitando di usare frasi troppo complesse. Perché? Semplice: la definizione dell’URL segue quella del numero ID, una sequenza di cifre. La tua soluzione vincente è scegliere un permalink SEO friendly.

⛔ NON PUBBLICARE, SISTEMATICAMENTE, LO STESSO ARTICOLO

Grazie a Google Trends hai la possibilità di verificare se c’è un argomento particolarmente cercato e che quindi possa portarti più traffico. Ma, invece che creare sistematicamente (magari una volta l’anno!) lo stesso contenuto è meglio scriverne soltanto uno e aggiornarlo periodicamente. Non appesantire i motori di ricerca, crea un’unica pagina e aggiornala per mantenerla sempre attuale!

⛔ NON AGGIUNGERE TAG A CASO

I tag sono le etichette che usi o userai per dare un possibilità in più ai tuoi utenti di leggere quello che scrivi per loro. Per questo è bene organizzarli attraverso un tema ben definito. Ma qual è l’errore che puoi commettere?

Quello di confondere i tag con le parole chiave! Aggiungere, a caso, un’infinità di tag al tuo articolo è un’azione che porterà soltanto confusione: sia tra i tuoi utenti che a Google. Ogni tag inserito senza ragionare crea una copia di una pagina web che richiamerà gli articoli già pubblicati. Risultato? Tutte pagine inutile. Quindi, se non hai ben chiaro come utilizzarli meglio evitarli.

Commenti:
Condividi su:

Opera dal 2013 nel settore dell'e-learning. La mission aziendale è quella di sfruttare il potenziale del web per offrire una formazione professionale e trasparente. I corsi sono fruibili totalmente online, H24, 7/7, senza limiti di tempo e in totale autonomia. Gli studenti di Lezione-online, non dovranno effettuare alcun spostamento o sottostare a orari prestabiliti.

You don't have permission to register