Lezione-online fornisce corsi di formazione e-learning a più di 60mila studenti.

Fb. Ig. In. Yt.

Calcetto: c’è il via libera del Governo

C’è l’ipotesi, da parte del Governo, di autorizzare le partire di calcetto dal 14 giugno: è scontro tra i ministri dello Sport e della Salute.

È stata una partita giocata con entrate dure – come la definisce La Stampa – quella che in Consiglio dei Ministri ha fatto slittare al 25 giugno la ripresa di calcio, calcetto, basket e tutti gli altri sport di contatto che la bozza del Dpcm sulla «Fase 3» faceva ripartire già lunedì prossimo.

Chiediamo agli italiani di sedersi separati al ristorante, vietiamo le partitelle in spiaggia e diciamo che nel campetto invece si può giocare? Così mandiamo un segnale da liberi tutti – ha detto il ministro della Salute Speranza – che non ci possiamo permettere con ancora oltre 300 contagi“.

Ma il ministro dello Sport, Spadafora, difendeva la ripresa ricordando che è condizionata all’applicazione di linee guida rigorose. Il ministro della Salute è stato irremovibile nell’opporsi. Dopo un lungo tira a molla il Premier Conte ha deciso di far riaprire i campetti tra due settimane, sempre che l’andamento dei contagi lo consenta.

Il 25 giugno, quindi, vedremo anche se ci sarà il necessario accordo tra i ministri della Salute e dello Sport. Intanto, da lunedì si potrà tornare al cinema e al teatro. Ma riaprono anche le sale giochi, mentre per tornare in discoteca bisognerà aspettare. Per ora non c’è una data precisa, anche se ieri si era parlato del 14 luglio.

CALCETTO: NIENTE ABBRACCI IN CAMPO

Dal 25 giugno dovrebbero tornano le partitelle a calcio e calcetto, ma anche a basket, pallavolo, e per chi gioca più duro anche box o judo.

Da quella data – spiega il Presidente del Consiglio – possono riprendere gli sport di contatto amatoriali, se le regioni ma anche il ministro dello Sport e della Salute accertino che ricorre la compatibilità dello svolgimento con la situazione epidemiologica“.

Nulla di scontato, quindi, perché gli esperti del Comitato tecnico scientifico hanno sempre giudicato al massimo il livello di rischio previsto da queste discipline, nelle quali contrariamente a palestra, piscina, tennis e atletica riuscire a mantenere il metro di distanza è ovviamente impossibile.

Per questo la bozza di decreto consente la ripresa delle partite a calcetto. Se la curva dei contagi dovesse risalire i primi ad essere messi al bando sarebbero proprio gli sport da contatto. Ai quali, se si tornerà a giocare tra due settimane, lo si farà con un bel po’ di nuove regole da rispettare.

Le mani dovranno essere sanificate prima dell’incontro e non si dovranno mai stringere né all’avversario, né ai compagni di squadra. E niente abbracci dopo un gol, un punto o un canestro. Al massimo un tocco di gomito, come da oggi inizieranno a fare i campioni del calcio con la ripresa della Coppa Italia.

Commenti:
Condividi su:

Opera dal 2013 nel settore dell'e-learning. La mission aziendale è quella di sfruttare il potenziale del web per offrire una formazione professionale e trasparente. I corsi sono fruibili totalmente online, H24, 7/7, senza limiti di tempo e in totale autonomia. Gli studenti di Lezione-online, non dovranno effettuare alcun spostamento o sottostare a orari prestabiliti.

You don't have permission to register