Lezione-online fornisce corsi di formazione e-learning a più di 60mila studenti.

Fb. Ig. In. Yt.

Come si diffonde il Coronavirus?

A un anno dall’inizio della pandemia le prove sembrano ormai evidenti: il Coronavirus si trasmette prevalentemente attraverso l’aria da persone che starnutiscono e tossiscono, ma anche che parlano. Infettarsi attraverso le superfici, sebbene possibile, sembra molto raro.

È vero che il Coronaviruscome specifica Il Corrierepuò persistere sulle maniglie di porte, pulsanti e tavoli ma non sono queste le principali fonti di infezione. Eppure, su suggerimento delle autorità sanitarie di tutto il mondo, oggi mezzo di trasporto, negozi, uffici, luoghi pubblici vengono periodicamente sanificati con l’obiettivo di ridurre la diffusione del virus. Il che non è affatto un male.

Il principio della precauzione, in un periodo così complesso, è sacrosanto ma non è affatto chiaro quanto davvero queste continue sanificazioni siano utili ad evitare i contagi, dal momento che grazie a una migliore conoscenza (rispetto ai mesi precedenti, ndr) è chiaro che la trasmissione del virus è soprattutto per via aerea. Resta comunque molto importante il lavaggio delle mani, che aiuta a ridurre i rischio di contagio, e non solo da Coronavirus.

CORONAVIRUS: SUPERFICI SOSPETTE…

La rivista Nature, con un lungo articolo e un editoriale, ha provato a fare chiarezza sul tema di come sia necessaria una guida chiara sulle priorità negli sforzi per prevenire la diffusione del virus. L’Organizzazione mondiale della Sanità consiglia di:

Evitare di toccare le superfici, specialmente in ambienti pubblici perché qualcuno con il Covid potrebbe averle toccate prima e di pulire regolarmente le superfici con disinfettanti standard“.

A inizio pandemia – come scrive Nature in questo articolo – è normale che le superfici fossero le prime sospettate. È infatti noto che funghi, virus e batteri possono facilmente trasmettersi all’interno degli ospedali perché permangono su superfici come letti, attrezzi, diversi tipi di superfici se non adeguatamente e frequentemente disinfettate.

VIRUS INFETTIVO?

Nel marzo del 2020, una serie di studi avevano evidenziato che il Coronavirus potesse permanere per giorni su plastica e acciaio. Conseguenza? Moltissime città del mondo, compresa l’Italia, cominciarono a sanificare anche le strade. Diversi studi, nel corso dei mesi, hanno trovato tracce di materiale genetico di Coronavirus praticamente ovunque, ma questo non implica che sia attivo e ancora in grado di infettare.

Le particelle virali non resistono per molto tempo fuori da un organismo e diventano via via meno pericolose. E comunque basta disinfettarle a fondo per evitare ogni traccia del virus.

CORONAVIRUS: LABORATORIO CONTRO REALTÀ

Sebbene questi tipi di esperimenti dimostrino come il Coronavirus può sopravvivere sulle superfici, questo non significa che le persone si stanno ammalando toccando pulsanti e maniglie.

Emanuel Goldman, microbiologo della Rutgers New Jersey Medical School di Newark, ha scritto un commento molto puntuale su The Lancet Infectious Diseases , sostenendo che le superfici presentavano un rischio relativamente basso di trasmissione del virus.

DIFFUSIONE ATTRAVERSO L’ARIA

Tra le ricerche scientifiche prodotte nell’ultimo anno, poche hanno rilevato contagi tramite le superfici mentre molte hanno rilevato prove convincenti sulla diffusione del Coronavirus per via aerea negli ambienti chiusi, con scarso ricambio d’aria e senza precauzioni come mascherine e distanziamento fisico.

Sembra, quindi, esserci un rischio maggiore nella condivisione del medesimo ambiente chiuso con individui infetti, rispetto alla trasmissione tramite le superfici.

Commenti:
Condividi su:
Post tags:

Opera dal 2013 nel settore dell'e-learning. La mission aziendale è quella di sfruttare il potenziale del web per offrire una formazione professionale e trasparente. I corsi sono fruibili totalmente online, H24, 7/7, senza limiti di tempo e in totale autonomia. Gli studenti di Lezione-online, non dovranno effettuare alcun spostamento o sottostare a orari prestabiliti.

You don't have permission to register