Lezione-online fornisce corsi di formazione e-learning a più di 60mila studenti.

Fb. Ig. In. Yt.

Coronavirus in Italia e nel Mondo

I casi di Coronavirus nel mondo superano i 99,7 milioni secondo i dati diffusi dalla Johns Hopkins University, mentre i decessi confermati sono più di 2,1 milioni dall’inizio della pandemia. E in Italia, secondo i dati dell’ultimo bilancio relativo a martedì 26 gennaio, è di 10.593 nuovi casi e 541 morti.

Alcuni milioni di dosi del vaccino dell’azienda Reithera potranno essere somministrate da settembre 2021, a dirlo è stato il presidente dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), Giorgio Palù, su Sky TG24:

Sarà possibile somministrare alcuni milioni di dosi del vaccino italiano, ma non prima di settembre – ha osservato Palù – . Le dosi del vaccino potrebbero integrare la disponibilità di oltre 200 milioni di dosi che era stata messa in preventivo d’acquisto, ma che sta ritardando ad arrivare“.

L’azienda farmaceutica francese Sanofi fornirà supporto alla BioNTech nella produzione del vaccino anti Coronavirus. In base all’accordo, Sanofi fornirà a BioNTech l’accesso alle sue infrastrutture e competenze consolidate per produrre oltre 125 milioni di dosi di vaccino da distribuire in tutta Europa. Le forniture iniziali proverranno dagli impianti di produzione di Sanofi a Francoforte a partire dall’estate del 2021.

CEO ASTRAZENECA: «NON DIROTTIAMO LE DOSI VERSO ALTRI PAESI»

Siamo stati piuttosto specifici con l’Ue. Anche noi siamo delusi, ci piacerebbe riuscire a produrre di più. A febbraio consegneremo all’Europa una quantità soddisfacente, simile agli altri produttori. Stiamo lavorando 24 ore su 24, sette giorni su sette per risolvere i problemi“.

A dirlo è stato il Ceo di AstraZeneca, Pascal Soriot, durante un’intervista rilasciata ad alcuni quotidiani europei in merito ai ritardi sulla consegna dei vaccini.

Appena avremo l’approvazione Ema, l’obiettivo è recapitare all’Unione Europea 17 milioni di dosi entro la fine di febbraio. Di queste, 2,5 milioni circa in Italia. La produzione del nostro vaccino è composta da due fasi: una è la creazione del principio attivo in due stabilimenti in Belgio e Paesi Bassi; l’altra è la resa in farmaco, in due centri in Germania e Italia. Le difficoltà nascono nella prima fase. Alcuni siti generano più ‘raccolto’, altri meno come purtroppo accaduto in Europa. Queste disfunzioni capitano quando si aumenta la produzione a centinaia di milioni di dosi di un nuovo vaccino. Abbiamo due mesi di ritardo, ma risolveremo questi problemi“.

CORONAVIRUS A MOSCA

Il sindaco di Mosca, Serghei Sobyanin, ha disposto la rimozione delle ultime restrizioni imposte alla capitale spalancando la porta a una vita di fatto ‘nomale’. Tutti i locali potranno tornare a servire i clienti dalle 23 alle 06 del mattino. L’obbligo per le aziende di mettere in smart working almeno il 30% del personale si è poi trasformato in ‘raccomandazione’.

Di fatto, le uniche limitazioni ora sono per musei, cinema e teatri, che devono lavorare al 50% della capienza. Nell’ultima settimana la capitale ha registrato meno di 3 mila contagi e nei reparti Covid degli ospedali è libero più del 50% dei posti letto, un dato che non si vedeva da metà giugno.

Commenti:
Condividi su:

Opera dal 2013 nel settore dell'e-learning. La mission aziendale è quella di sfruttare il potenziale del web per offrire una formazione professionale e trasparente. I corsi sono fruibili totalmente online, H24, 7/7, senza limiti di tempo e in totale autonomia. Gli studenti di Lezione-online, non dovranno effettuare alcun spostamento o sottostare a orari prestabiliti.

You don't have permission to register