Lezione-online fornisce corsi di formazione e-learning a più di 60mila studenti.

Fb. Ig. In. Yt.

Coronavirus, sì agli spostamenti

Si va verso l’ok per lo spostamenti tra regioni diverse. È questo l’orientamento del Governo nella nuova gestione dell’emergenza Coronavirus in Italia, ma solo se i dati epidemiologici dovessero confermarsi o migliorare nelle prossime settimane.

Si va verso la riapertura dei confini regionali, senza alcuna motivazione per lo spostamento, a partire dal primo giungo. Non è un libera tutti – scrive il Fatto Quotidiano – ma una decisione calcolata sul rispetto dei parametri stabiliti dal Ministero della Salute. Questa è la direzione verso cui sta andando il Governo, ma soltanto se i dati epidemiologici dovessero confermarsi o addirittura migliorare nelle prossime settimane.

A confermare la notizia data dal ministro per gli Affari Generali, Francesco Boccia, il governatore della Liguria Giovanni Toti.

Ci ha detto di prenderci ancora una settimana prima di cominciare una valutazione. Certo non riaprirà il 18 maggio, forse il 25, ma più probabilmente il primo giugno“.

Due regioni a basso rischio, a maggior ragione se limitrofe, – ha affermato il ministro Boccia – sarà naturale che potranno avere mobilità interregionale. Ma se una Regione è ad alto rischio e una a basso rischio, ci saranno inevitabili limitazioni automatiche. Questo meccanismo non è stato ancora deciso perché è quello più complesso“.

CORONAVIRUS: I 21 INDICATORI

Tutto, come è chiaro, dipenderà dal rispetto dei paletti fissati dal ministero della Salute. Ovvero 21 indicatori che saranno in grado di misurare la diffusione del contagio del Coronavirus e l’efficacia dei dipartimenti sanitari delle singole regioni. Soltanto così sarà possibile tracciare e isolare i focolai.

Tutto ruota attorno a tre macro aree:

  • capacità di monitoraggio;
  • capacità di accertamento diagnostico;
  • l’indagine e la gestione dei contatti e i risultati relativi alla stabilità della di trasmissione e alla tenuta dei servizi sanitari.

Il 18 maggio – ha aggiunto Toti – suggerirà la riapertura del commercio al dettaglio in tutto il Paese, e molte regioni compresa la Liguria annunceranno la riapertura di parrucchieri, estetisti e in parte anche della ristorazione“.

Dunque, oltre a nuove aperture, possiamo aspettarci anche più libertà negli spostamenti su tutto il territorio. Per questo il primo giugno, con molta probabilità, sarà il giorno X per l’allentamento delle attuali misure restrittive.

Commenti:
Condividi su:

Opera dal 2013 nel settore dell'e-learning. La mission aziendale è quella di sfruttare il potenziale del web per offrire una formazione professionale e trasparente. I corsi sono fruibili totalmente online, H24, 7/7, senza limiti di tempo e in totale autonomia. Gli studenti di Lezione-online, non dovranno effettuare alcun spostamento o sottostare a orari prestabiliti.

You don't have permission to register