Lezione-online fornisce corsi di formazione e-learning a più di 60mila studenti.

Fb. Ig. In. Yt.

Curcuma, alleata dei runner

L’attività sportiva, a volte, può creare problemi infiammatori al sistema articolare e muscolare, riducendo la prestazione e le capacità di recupero, in più le sofferenze articolari predispongono agli infortuni.

Per questo la curcuma diventa un alleato potente per i runner, sia a livello amatoriale che agonistico. Ecco i perché:

  1. riduce gli indicatori relativi all’affaticamento e al danno muscolare e i livelli sierici di glucosio a favore del tessuto muscolare; inoltre incrementa i livelli di glicogeno muscolare;
  2. migliora la funzione cardiovascolare, svolgendo un’azione antiossidante, riducendo i processi infiammatori, modulando la trasmissione neuronale a livello centrale e incrementando il contenuto di glicogeno muscolare ed epatico;
  3. nella fase post-allenamento contribuisce a ridurre sostanze pro-infiammatorie circolanti nell’organismo;
  4. aiuta a prevenire l’indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata (un mix di dolore e rigidità muscolare, che si verifica dopo un esercizio fisico insolito), perché riduce l’infiammazione e le molecole coinvolte nel danno muscolare, sopprimendo l’attivazione dei fattori implicati nell’infiammazione muscolare e stimolando la rigenerazione muscolare in seguito a un danno.

La curcuma, se inserita in un contesto di sana alimentazione e attività fisica, può essere d’aiuto per dimagrire e bruciare i grassi.

LE PROPRIETÀ DIMAGRANTI DELLA CURCUMA: QUANTA ASSUMERNE?

La curcuma (Curcuma longa) è una pianta tipica dei paesi orientali con clima tropicale e con piovosità elevata. Oltre ad essere ricca di vitamine (del gruppo B, C, E, K) e di diversi minerali, la componente principale della curcuma è la curcumina. Un estratto usato anche come colorante oltre che come integratore alimentare, che racchiude in sé tantissime proprietà, rendendo la spezia utilissima per il benessere del nostro organismo, sotto differenti aspetti, compreso il dimagrimento.

PERCHÉ FA DIMAGRIRE?

Perché stimola gli adipociti a rilasciare una sostanza in grado di stimolare l’organismo, liberando i grassi accumulati sotto forma di riserva. In più aiuta il fegato a lavorare nel metabolizzare al meglio i grassi introdotti durante i pasti, in particolare quelli derivanti dai carboidrati complessi e dagli zuccheri raffinati, di più difficile digestione.

La curcuma aiuta a dimagrire anche perché fa sentire meno la sensazione di fame, dal momento che stimola la corretta funzionalità di un ormone prodotto dal tessuto adiposo che va a regolare il senso di sazietà.

Anche il ristagno di liquidi sembra possa essere scongiurato dall’azione di questa potente spezia, viste le sue capacità di agire tanto sul sistema circolatorio quanto su quello linfatico, maggiormente responsabile della formazione dei cuscinetti adiposi e della fastidiosissima pelle a buccia d’arancia.

CURCUMA CONTRO LE ALLERGIE

La curcumina, il principio attivo primario della radice di curcuma, è in grado di inibire il rilascio di istamina, la molecola che attiva la reazione allergica. In questo modo si determina la diminuzione della gravità di varie malattie legate ad alterazioni della risposta immunitaria. È per questo motivo che la radice di curcuma può essere un utile supporto a chi soffre di condizioni allergiche.

CURCUMA ANTIOSSIDANTE

La curcumina può aiutare a proteggere i tessuti dai danni ossidativi e migliorare in modo significativo il rimodellamento tissutale aiutando a combattere i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento precoce delle cellule. Per cui utile anche nella prevenzione delle malattie cronico degenerative come i tumori.

CURCUMA ANTINFIAMMATORIA

Contrasta l’artrite, riduce i dolori articolari e reumatici. Contrasta il dolore delle articolazioni ed aiuta a sgonfiare le articolazioni infiammate fino a togliere le deformazioni tipiche dell’artrosi.

CURCUMA E APPARATO DIGERENTE

Un aiuto per la colite, allevia i dolori di stomaco. Per chi soffre semplicemente di colon irritabile o per chi ha malattie gastrointestinali più severe come la colite ulcerosa, l’uso della curcuma si è dimostrato efficacie nel ridurre l’infiammazione della mucosa intestinale. Inoltre contribuisce a regolare gli stati di diarrea o stipsi.

CURCUMA ANTIBATTERICA E DEPURATIVA

Ci sono diversi studi che dimostrano come l’utilizzo della curcuma, anche insieme agli antibiotici, sia in grado di accelerare l’efficacia dei farmaci e di favorire il recupero da un’infezione. La curcuma è un’ottima alleata del fegato, aiutandolo nella depurazione e nella disintossicazione.

NON ASSUMERE SE…

L’utilizzo di questa spezie è sconsigliato a chi soffre di calcoli alla cistifellea o di ulcera. Occorre prestare cautela nel suo consumo quando si sta seguendo una cura a base di farmaci anticoagulanti o anti aggreganti, poiché la curcuma rende il sangue maggiormente fluido. Stessa regola in caso di gravidanza o allattamento: meglio rivolgersi al proprio medico curante.

Commenti:
Condividi su:

Laureata in Scienze Biologiche presso l’Università degli Studi di Torino. Ha conseguito l’abilitazione alla professione di biologa nel 2002 presso l’Università di Pavia ed è iscritta all’albo professionale dal marzo del 2004. Svolge la libera professione come docente in convegni medico-scientifici. Docente presso il PNI di Torino, ha scritto "Il giusto con gusto", "Nutrigiusto" e "Alimentazione consapevole: cibo e salute".

You don't have permission to register