Lezione-online fornisce corsi di formazione e-learning a più di 60mila studenti.

Fb. Ig. In. Yt.

Juventus campione d’Italia 2019/2020

Juventus campione d’Italia 2019/2020. Il primo scudetto dell’era Sarri, dall’1-0 al Parma all’allungo di luglio

Un’altra perla – racconta l’Ansa – nella collana di scudetti della Juventus, il nono consecutivo che porta il totale a 36 (o 38 come rivendica il club bianconero che considera suoi i titoli cancellati da Calciopoli, ndr). Il primo tricolore di Maurizio Sarri, dopo il tris di Conte e la cinquina di Allegri. L’ennesimo trionfo, piagando la concorrenza ancora una volta non troppo convinta e non all’altezza di dar fastidio ai bianconeri, con Inter e Lazio costrette ad accontentarsi del biglietto per la Champions League.

#Stron9er: il tweet trionfante della Juventus dopo la vittoria per 2-0 contro la Samp.

Secondo scudetto italiano per Cristiano Ronaldo, dall’alto dei suoi 31 gol e del carisma sempre determinante. Uno scudetto di Sarri ma senza il sarrismo che l’ha contraddistinto a Empoli, Napoli e Chelsea: progetto di gioco abbandonato dal tecnico toscano strada facendo per adattarsi alle caratteristiche della rosa bianconera.

Un titolo messo in cassaforte con la ripartenza lanciata, grazie a un calendario amico alla ripresa del campionato a giungo: poker di vittorie, con Bologna, Lecce, Genoa e Torino, dopo la delusione della Coppa Italia persa ai rigori contro il Napoli. Poi la piccola frenata, gli affanni e le difficoltà contro le squadre più in forma del momento come il Milan (da 2-0 a 2-4, ndr), l’Atalanta e il Sassuolo, prima dell’allungo definitivo, complici il crollo della Lazio e i risultati altalenanti dell’Inter, con l’Atalanta arrivata troppo tardi a ridosso della zona-scudetto.

Qualche nodo tattico difficile da risolvere, la coesistenza tra Ronaldo e Dybala, il dilemma tra la formula del tridente o l’assetto con il trequartista, il rendimento non soddisfacente di alcuni giocatori come Bernardeschi, Rabiot e Ramsey, la difesa non più insuperabile come ai tempi della BBC, un Pjanic discontinuo e in partenza, non hanno fermato l’ennesima marcia tricolore dei bianconeri iniziata ad agosto, con Sarri costretto a casa dalla polmonite e sostituito in panchina dal vice Martusciello.

Un segnale che la stagione sarebbe stata un po’ più difficile delle altre, lontana dai record di punti e di gol subiti, ma comunque vincente. Il primo colpo alla concorrenza è stato il braccio di ferro vinto contro l’Inter alla settima giornata, con lo zampino di Higuain, un mese più tardi la piccola crisi con CR7, sostituito al 55′ e scappato dallo stadio. Un caso, legato a un piccolo infortunio del fuoriclasse portoghese, rientrato dopo la rigenerante parentesi con la Nazionale.

Ronaldo in tribuna a Bergamo ma Juve vittoriosa in rimonta, dopo la sfuriata della Dea, grazie alla coppia Dybala-Higuain. Qualche battuta a vuoto, 2-2 casalingo con il Sassuolo, la netta sconfitta all’Olimpico con la Lazio, ripetuta a fine 2019 nella Supercoppa italiana giocata a Ryad.

Ma a inizio 2020 la Juve è ripartita di slancio, mettendo sotto Cagliari, Roma, Udinese e Parma, prima del periodo forse più difficile con due sconfitte senza attenuanti in tre partite a Napoli e Verona. Ma prima dello stop per il lockdown, i bianconeri hanno messo le cose a posto, con il 2-0 sull’Inter nell’Allianz Stadium deserto, che li ha riportati in testa prima del lunghissimo stop del campionato.

Al ritorno in campo, i bianconeri hanno sfruttato le partite più facili e scavato quel solco di nuovo incolmabile verso l’ennesimo scudetto, diventato vicinissimo grazie al 2-1 sulla Lazio, con il marchio di Cristiano Ronaldo.

Gli scatti postati su Instagram dei festeggiamenti al fischio finale di Juventus-Samp.
Commenti:
Condividi su:
Post tags:

Opera dal 2013 nel settore dell'e-learning. La mission aziendale è quella di sfruttare il potenziale del web per offrire una formazione professionale e trasparente. I corsi sono fruibili totalmente online, H24, 7/7, senza limiti di tempo e in totale autonomia. Gli studenti di Lezione-online, non dovranno effettuare alcun spostamento o sottostare a orari prestabiliti.

You don't have permission to register