Lezione-online fornisce corsi di formazione e-learning a più di 60mila studenti.

Fb. Ig. In. Yt.

Scuola, Azzolina: “Graduatorie digitali”

La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha esposto alla Camera il suo obiettivo/auspicio in vista del ritorno a scuola dei ragazzi dopo l’estate.

Mi piacerebbe avere, e sto lavorando per questo, tutti i docenti in cattedra a settembre“.

Un appuntamento, però, complicato – come lo descrive Il Sole 24 Ore – anche dal punto di vista personale. Con lo slittamento in autunno del concorso straordinario da 32 mila posti previsto per luglio le supplenze rischiano di schizzare verso l’alto.

SCUOLA: I NUMERI

Il perché lo ha spiegato la stessa ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, chiamando a supporto il numero ufficiale dei supplenti.

“Al 30 settembre, risultavano sottoscritti 109.195 contratti a tempo determinato (27.563 fino al 31 agosto e 81.632 fino al 30 giugno), di cui oltre 44 mila sul sostegno. E quest’anno – ipotizza Azzolina – ci assesteremo su numeri analoghi se non più bassi”.

Se è vero, poi, che il concorso straordinario da 32 mila posti si svolgerà non prima di autunno, a settembre potrebbe essere messo in pratica uno strumento per fronteggiare il boom di supplenze:

La call veloce, che ci permetterà di distribuire a livello nazionale le immissioni in ruolo rimaste vacanti“.

Ma la Azzolina non si sbilancia sul numero delle supplenze che questo meccanismo potrebbe evitare, ma aggiunge:

L’anno scorso 10 mila assunzioni sul sostegno non si sono realizzate perché mancavano gli aventi diritto nelle regioni in cui erano necessari“.

Sarà compito degli Uffici scolastici territoriali (Usr) indicare quanti e quali immissioni in ruolo non sono andate a buon fine e tutti gli interessati, entro un massimo di 5 giorni, potranno indicare la Regione e le province prescelte. Dopodiché, saranno gli stessi Usr a pubblicare entro il 10 settembre i risultati delle call.

RECLUTAMENTO E INNOVAZIONE

A questo strumento di call veloce se ne aggiungerà un altro che, nelle intenzioni di Azzolina, agirà sui tempi rendendo questo sistema più veloce e razionale.

Le graduatorie – precisa – che erano d’istituto e cartacee diventano provinciali e digitali. Un’innovazione che riguarda un milione di persone“.

A gestirle, quindi, non saranno più i presidi ma le Usr.

Commenti:
Condividi su:

Opera dal 2013 nel settore dell'e-learning. La mission aziendale è quella di sfruttare il potenziale del web per offrire una formazione professionale e trasparente. I corsi sono fruibili totalmente online, H24, 7/7, senza limiti di tempo e in totale autonomia. Gli studenti di Lezione-online, non dovranno effettuare alcun spostamento o sottostare a orari prestabiliti.

You don't have permission to register