Lezione-online fornisce corsi di formazione e-learning a più di 60mila studenti.

Fb. Ig. In. Yt.

Scuola e genitori: un binomio vincente

Scuola e genitori: un binomio vincente. Nell’era moderna, la collaborazione tra scuola e famiglia è indispensabile

Nell’era moderna, i genitori e la scuola, devono essere considerati alleati nell’educazione dei bambini. Il registro comunicativo deve essere comune.

I genitori, in generale la famiglia, devono essere considerati una risorsa attiva nella scuola, di cui ne è il principale stakeholder. È importante conoscere come la famiglia percepisce l’insegnamento scolastico e le insegnanti. Questo scambio diventa utile nella gestione del bambino.

L’educazione dei bambini non è uguale in tutte le famiglie come non lo è la disciplina, ma a scuola tutte queste differenze si azzerano e i genitori devono comprendere ed accettare che i propri figli si devono adeguare al sistema scolastico.

Anche la scuola deve far fronte alle varie tipologie delle famiglie. Ci sono i genitori che partecipano attivamente alla vita scolastica dei figli, i genitori che sono completamente disinteressati e i genitori invadenti che si sostituiscono ai figli e spesso criticano l’operato delle maestre.

La famiglia deve essere presente nella vita scolastica dei bambini e non soltanto quando convocata per i colloqui con i genitori o fuori dalla scuola, alla fine delle lezioni. La scuola dovrebbe dedicare più tempo allo scambio con i genitori, per conquistarne la fiducia e comprendere sempre meglio il bambino che condividono. Questo diventa più semplice se lo scambio con l’istituzione scolastica è continua.

COME AVVICINARE LA FAMIGLIA?

Testimonianze sul web raccontano di genitori che spendono le loro competenze per fare delle lezioni specifiche in aula a seconda delle conoscenze che possiedono, mamme che mettono a disposizione le proprie abilità per lo sviluppo delle capacità manuali dei bambini, ci sono i comitati dei genitori che sono il punto di unione tra la scuola e le famiglie.

Ma ci potrebbero essere altre opportunità d’incontro. Come il “Family Day”, dove le maestre e le famiglie si possono incontrare, partecipare a manifestazioni sportive, a eventi culturali, a gite e mostre.

Sicuramente è un impegno importante da parte delle due istituzioni, scuola e famiglia, ma in questo modo l’educazione del bambino e l’alleanza educativa sono davvero importanti e consolidano l’attività educativa.

In particolare in questo momento storico in cui la scuola deve gestire anche il contesto migratorio è importante lo scambio con la famiglia e ancora più importante è che essa supporti e superi le barriere linguistiche e culturali. In questo modo i genitori non si sentiranno penalizzati per la mancanza di competenze linguistiche necessarie per comunicare con la scuola.

Andare d’accordo con i genitori è semplice, basta rispettare poche e semplici regole:

  • essere sempre oggettivi e supportati da dati quando si intende segnalare qualcosa di negativo del proprio figlio;
  • non farsi agganciare dalle critiche che ci vengono mosse dai genitori, ma anzi trasformarle in opportunità per migliorare;
  • dedicare il giusto tempo , il giusto luogo e la giusta concentrazione quando si deve colloquiare con i genitori;
  • i genitori non sono rivali degli insegnati ed hanno delle emozioni dalle quali è necessario distaccarsi;
  • non bisogna entrare nelle dispute familiari.

Quindi possiamo dire che i genitori sono fondamentale per una buona riuscita dell’apprendimento scolastico e cognitivo dei bambini.

Commenti:
Condividi su:

Inizia la carriera professionale in DHL fino a quando non arriva la chiamata per gestire le risorse umane. Decide quindi di riprendere in mano i libri per essere adeguata al ruolo e prende un Master in Counseling aziendale. Scopre la passione per la formazione aziendale e dopo 20 anni di lavoro dipendente decide di intraprendere la carriera di formatore. Da sempre appassionata di Basket è anche istruttrice nazionale di minibasket.

You don't have permission to register