Lezione-online fornisce corsi di formazione e-learning a più di 60mila studenti.

Fb. Ig. In. Yt.

Windows 11: ecco le prime immagini

Una build rubata (non recente, ndr) della nuova versione di Windowscome riporta dday.itci mostra alcuni cambiamenti nel design del sistema operativo Microsoft: interfaccia più moderna, spariscono le tile e la barra di navigazione si sposta al centro. Ma, come sottolinea la stessa Microsoft, è solo il tasto “Start”.

Dopo che Microsoft ne aveva ironizzato sull’uscita poco tempo fa, il social network cinese Baidu ha prima pubblicato alcuni screen poi un’intera build disponibile a tutti per poter installare sul proprio pc l’ancora non pubblicata versione di Windows 11.

Windows 11, o meglio una parte, è stato rivelato prima del previsto ma non si può parlare di sorpresa rovinata. Come ha scritto nella serata di ieri Microsoft su Twitter, quello che si è visto è solamente il tasto “Start”, ovvero un punto di partenza di un sistema operativo talmente complesso e completo che non può essere certo giudicato da un paio di immagini.

Il tweet di Windows di ieri, martedì 15 giugno, relativo alla nuova versione del sistema operativo: Windows 11.

La nuova versione di Windows, quello che nella build viene chiamato Windows 11, è il risultato di un lungo lavoro grafico che doveva caratterizzare la versione destinata ai dispositivi dual screen e ai pieghevoli, Windows 10X. Progetto poi abbandonato.

💥 WINDOWS 11: TUTTE LE NOVITÀ

La barra di navigazione è stata spostata al centro, molto simile a quella che si può trovare su Chrome, macOS o su molte distribuzioni Linux. Può piacere come non piacere, ma questo fa capire come Microsoft stia guardando ad un linguaggio di design indipendente dalla dimensione dello schermo.

Un menù di navigazione centrale permette una libertà di formato di schermo che l’attuale versione di Windows non permetteva. Il menù attuale, su Surface Laptop con uno schermo da 10”, appariva decisamente sgraziato e sproporzionato.

Poi c’è il “dark mode”, icone completamente ridisegnate, nuove finestre rivisitate sia nella linea sia nelle trasparenze e c’è anche una nuova logica per agganciare e gestire queste finestre sugli schermi di grandi dimensioni, dove si lavora di “Side by Side” o si ha la necessità di ancorare rapidamente le finestre in posizioni ben precise.

Nella barra del menù è comparso anche un nuovo tasto, che richiama i widget: anche questa parte arriva da Windows 10X, dove i widget erano pensati per alimentare lo schermo secondario o lo schermo integrato all’interno delle tastiere.

Ad oggi, Windows 10 è il sistema operativo più diffuso in ambito domestico ed è quello più conosciuto. Nel corso degli anni ha raggiunto un livello di stabilità e di maturità invidiabile, soprattutto se pensiamo alla sua diffusione e alla sua logica distributiva.

Microsoft ha introdotto elementi importanti come il linux subsystem, la versione ARM con emulatore x86, un’ntegrazione praticamente perfetta con gli smartphone Android e ha portato alla convergenza tra console e desktop in ambito gaming con Xbox.

📲 NOVITÀ: LO STORE DELLE APP

C’è infine un altro grande tema che Microsoft porterà al centro dell’attenzione con Windows 11, ovvero lo store delle applicazioni: al momento c’è ancora il vecchio store nella build. Microsoft è stata più volte critica nei confronti delle scelte di Apple o di Google, e ha ribadito l’intenzione di voler sviluppare uno store che possa in qualche modo essere d’appeal per gli sviluppatori garantendo loro i giusti compensi.

Lo store su Windows 10 è stato un buco nell’acqua e neppure la mossa Windows 10 S è servita a convincere le persone a passare solo ed esclusivamente dallo store per avere prestazioni e sicurezza: chi ha acquistato un sistema con Windows 10 S lo ha convertito subito nella versione classica, quella più libera.

Windows 10 è uscito nel 2015, pochi mesi dopo il cambio al vertice che ha visto Nadella succedere a Ballmer. Windows 10, per come è stato concepito, era un prodotto di Ballmer: Nadella lo ha trovato finito.

In questi anni il nuovo CEO ha trasformato Microsoft e non ha sbagliato un colpo: da Xbox al cloud, passando per Surface che oggi ha conquistato il suo meritato spazio. Windows 11 sarà il “Windows” di Nadella ed è difficile pensare che sia limitato a un “lifting” estetico che si è visto nella build rubata in Cina.

Commenti:
Condividi su:
Post tags:

Opera dal 2013 nel settore dell'e-learning. La mission aziendale è quella di sfruttare il potenziale del web per offrire una formazione professionale e trasparente. I corsi sono fruibili totalmente online, H24, 7/7, senza limiti di tempo e in totale autonomia. Gli studenti di Lezione-online, non dovranno effettuare alcun spostamento o sottostare a orari prestabiliti.

You don't have permission to register